Patto dei sindaci – UE

image_pdfimage_print

 Patto dei Sindaci – UE

Piano d’azione per l’Energia Sostenibile e Patto dei Sindaci

Nel dicembre del 2008 l’UE ha adottato una strategia integrata in materia di energia e cambiamenti climatici, che fissa obiettivi ambiziosi per il 2020. Lo scopo è indirizzare l’Europa sulla giusta strada verso un futuro sostenibile sviluppando un’economia a basse emissioni di CO2 improntata all’efficienza energetica.

Sono previste le seguenti misure:
• ridurre i gas ad effetto serra del 20% (o del 30%, previo accordo internazionale);

• ridurre i consumi energetici del 20% attraverso un aumento dell’efficienza energetica;
• soddisfare il 20% del nostro fabbisogno energetico mediante l’utilizzo delle energie rinnovabili.

Parallelamente, il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) è un programma europeo nel quale la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) mette a disposizione dei fondi finalizzati a finanziare, a tasso agevolato, le amministrazioni pubbliche in ambito energetico-ambientale. Per accedere alle risorse non bisogna partecipare ad un bando, ma è necessario presentare un documento denominato SEAP (Sustainable Energy Action Plan), ovvero un piano di azione con dei propositi ben precisi a livello di diminuzione dei consumi, produzione di energia da fonti rinnovabili e mobilità sostenibile; un aspetto fondamentale che verrà esaminato dalla Commissione Europea è quello economico, il progetto deve essere in grado di auto sostenersi nella globalità delle azioni che si intende intraprendere, cioè si può pensare di attuare degli investimenti molto remunerativi che andranno a coprire i costi di altri non economicamente sostenibili. Questo permette di realizzare opere come piste ciclabili, portare avanti progetti nella comunicazione e nella formazione oppure interventi di riqualificazione di edifici o reti che però non sono dei “buoni investimenti”.