Bando di Concorso – “L’ACQUA UN BENE PREZIOSO CHE VA SALVAGUARDATO E PROTETTO A NOSTRO VANTAGGIO E A QUELLO DELLE FUTURE GENERAZIONI” 2015-2016 – Scheda Partecipativa

image_pdfimage_print

E’ disponibile il download della scheda di partecipazione per il concorso

“L’ACQUA UN BENE PREZIOSO CHE VA SALVAGUARDATO E PROTETTO A NOSTRO VANTAGGIO E A QUELLO DELLE FUTURE GENERAZIONI 2015-2016″

Download Scheda Partecipativa. ( Formato Doc )

Tutte le info del concorso sulla partecipazione sono all’interno del documento sovrastante.

Bando di Concorso – “L’ACQUA UN BENE PREZIOSO CHE VA SALVAGUARDATO E PROTETTO A NOSTRO VANTAGGIO E A QUELLO DELLE FUTURE GENERAZIONI” 2015-2016

image_pdfimage_print

Il Consorzio per il Bacino Imbrifero Montano del Bormida GENOVA

COMUNE

“Con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare”

COMUNE

“Con il Patrocinio del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca”

Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria – Direzione Generale

ligurdownload

“Con il Patrocinio del Comune di Genova” “Con il Patrocinio della Città metropolitana di Genova”

regapp

    “Con il Patrocinio della Regione Liguria”

“Con il Patrocinio del GAL Appennino Genovese”

Bandisce la quinta edizione del Concorso

L’ACQUA UN BENE PREZIOSO CHE VA SALVAGUARDATO E PROTETTO A NOSTRO VANTAGGIO E A QUELLO DELLE FUTURE GENERAZIONI”

Per l’anno scolastico 2015 – 2016

“L’ACQUA E’ UN BENE PREZIOSO CHE VA SALVAGUARDATO E PROTETTO A NOSTRO VANTAGGIO E A QUELLO DELLE FUTURE GENERAZIONI”

Riservato agli alunni delle Scuole Primarie, pubbliche e private, ricadenti nei Comuni di appartenenza del BIM Bormida (Ge) (Genova, Mele, Masone, Campo ligure, Tiglieto ,Rossiglione Isola del Cantone, Ceranesi, Campomorone).

Il concorso si inquadra nelle attività di sensibilizzazione e di informazione che il BIM Bormida (Ge) promuove per elevare la cultura del rispetto dell’ambiente e in particolar modo del rispetto delle risorse idriche.

L’iniziativa nasce dalla volontà di dare un segno evidente e tangibile di come si possa intervenire,

attraverso piccoli gesti quotidiani, per migliorare il contesto in cui viviamo. Gli obiettivi sono quelli di promuovere un’azione di stimolo nei confronti delle nuove generazioni e, contemporaneamente, di sviluppare un progetto generale finalizzato a rendere ogni cittadino responsabile e sempre più impegnato nella collaborazione quotidiana per la salvaguardia del territorio. L’iniziativa offre ai docenti l’occasione, leggendo e producendo testi argomentativi, descrittivi, narrativi e poetici, di progettare percorsi educativi multidisciplinari per approfondire le tematiche ambientali previste dai programmi ministeriali.

1. Ammissione al concorso

Possono partecipare, con lavoro individuale o di gruppo presentato tramite l’istituto di appartenenza, tutti gli alunni delle Scuole Primarie, pubbliche e private, ricadenti nei Comuni di appartenenza del BIM Bormida (Ge). Partendo dal tema, i partecipanti sono invitati a sviluppare l’argomento negli stili e nelle forme grafiche ed espressive preferite, dando libero sfogo alla propria creatività e fantasia.

2. Il tema

I concorrenti sono chiamati a sviluppare lavori il cui tema fondamentale è l’uso consapevole ed etico della risorsa acqua, nella convinzione che essa rappresenta uno dei beni più preziosi di cui l’umanità dispone. L’acqua non è una risorsa che va gestita nell’immediato e per l’immediato ma va considerata come una eredità ricevuta, che a nostra volta dobbiamo trasmettere, pura ed abbondante, alle generazioni future. Questo pensiero deve portarci a non sottovalutarne l’immenso valore e non deve indurci allo spreco.

3. Modalità di partecipazione

Gli elaborati prodotti possono essere:

disegni e/o fumetti: realizzati con qualsiasi tecnica e materiale, si potranno utilizzare fino a 5 tavole, nel formato massimo di cm 50×70, complete di didascalie;

illustrazioni fotografiche: il materiale non deve oltrepassare le 7 pose, a colori o in bianco e nero, nel formato massimo 20×30, complete di didascalie;

· cronache e relazioni (versione dattiloscritta max 3 cartelle – 25 righe per 60 battute a cartella; versione multimediale – ipertesto su CD Rom) arricchite con immagini, illustrazioni, tabelle, figure;

Elaborati multimediali: video VHS, CD o DVD (durata massima 5 minuti).

Ogni elaborato deve essere accompagnato dal modulo d’iscrizione (compilato in ogni sua parte) e scaricabile da internet http://www.bimbormidagenova.it, specificando: insegnante referente, nome dell’autore/degli autori, classe, scuola, indirizzo, telefono, fax, e-mail.

4. Termini di presentazione

Le opere abbinate alle relative schede di partecipazione devono pervenire tramite il servizio postale entro e non oltre il 30 aprile 2016 al seguente indirizzo: Consorzio del Bacino Imbrifero Montano del Bormida (Ge) – Palazzo Galliera – 3° piano – Via Garibaldi 9 – 16124 Genova c/o Municipio 6 Medio Ponente – Segreteria Organi Istituzionali.

Nel caso in cui i lavori venissero consegnati personalmente dovranno pervenire nei seguenti orari (non festivi): lunedì e mercoledì dalle ore 14,30 alle ore 16,30, venerdì dalle ore 09,30 alle ore 14,00 alMunicipio 6 Medio Ponente – Segreteria Organi Istituzionali – Via Sestri 7 Genova (prima della consegna si prega cortesemente di contattare via mail o telefonicamente il Segretario).

L’eventuale verifica dell’avvenuto recapito del plico con gli elaborati è a carico del concorrente. Si declina comunque ogni responsabilità per il mancato recapito dei lavori in concorso.

Sono ammessi elaborati già terminati prima dell’indizione del presente bando, purché non siano antecedenti al 01-01-2015 e non abbiano partecipato ad altri concorsi. Le opere inviate non saranno restituite.

5. Categorie di concorso

Sono previsti 3 (tre) premi 1 (uno) per ogni categoria del concorso :

ORIGINALITÀ

ASPETTO GRAFICO

EFFICACIA DEL MESSAGGIO

Per ogni elaborato vincitore nelle rispettive categorie, verranno assegnati i seguenti premi:

Primo classificato ORIGINALITÀ € 500,00

Primo classificato ASPETTO GRAFICO € 500,00

Terzo classificato EFFICACIA DEL MESSAGGIO € 500,00

I premi saranno consegnati all’Istituto Scolastico di appartenenza dei vincitori.

Ad ogni Istituto Scolastico potrà essere assegnato un unico premio.

6. Esame degli elaborati

Il concorso intende premiare la creatività e, soprattutto, i valori e i contenuti significativi espressi dallo/dagli studente/i con gli elaborati.

Un’apposita giuria, dopo aver opportunamente valutato tutte le opere pervenute, seleziona i 3 elaborati

vincitori: 1 (uno) per la categoria ORIGINALITÀ, 1 (uno) per la categoria ASPETTO GRAFICO, 1 (uno) per la categoria EFFICACIA DEL MESSAGGIO.

7. Premiazione

I premi saranno consegnati all’Istituto Scolastico di appartenenza dei vincitori. I lavori premiati saranno ospitati sul sito internet ufficiale del concorso. Alcune delle opere selezionate potranno essere oggetto di pubblicazione, in forma tradizionale e/o digitale. La partecipazione al concorso prevede l’espressa accettazione di questa clausola.

La data della cerimonia di premiazione sarà comunicata ai vincitori con lettera raccomandata e si terrà in Genova il 06/06/2016. Agli studenti delle classi vincitrici dei premi e, presenti alla premiazione verranno consegnati dei simpatici gadgets. Tutte le informazioni per la partecipazione ad essa saranno tempestivamente comunicate agli interessati.

8. Informazioni

Chiarimenti ed informazioni potranno essere richiesti telefonicamente al seguente numero telefonico: 01055726212 nei giorni (non festivi) di lunedì e mercoledì dalle ore 14,20 alle ore 16,30, venerdì dalle ore 09,30 alle ore 14,00, oppure via e-mail ai seguenti indirizzi di posta elettronica: rterenzi@comune.genova.itbimbormidage@postecert.it

9. Informativa ex D.Lgs.n.196/03 – Tutela della Privacy

i dati acquisiti sono utilizzati esclusivamente dal Bim Bormida (Ge) per lo svolgimento e l’analisi del concorso. Il mancato conferimento dei predetti dati avrà come conseguenza l’impossibilità di dare corso all’attribuzione dei premi. Gli interessati possono esercitare tutti i diritti previsti dall’dall’art.7 del D.Lgs.n.196/03, quali il diritto di aggiornare, modificare o cancellare i propri dati nei casi previsti.

Bando per progetti culturali nei territori alpini

image_pdfimage_print

La Compagnia di San Paolo promuove il Bando per progetti culturali nei territori alpini con l’obiettivo di selezionare iniziative capaci di potenziare in Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria le ricadute e gli obiettivi culturali che il Festival «Torino e le Alpi» si prefigge di raggiungere.

Nell’ambito del Programma «Torino e le Alpi», la Compagnia di San Paolo promuove dal 15 al 17 luglio 2016 la terza edizione del Festival «Torino e le Alpi». La manifestazione si svolgerà a Torino e nei territori montani e proporrà a un ampio pubblico iniziative culturali che dimostreranno le potenzialità innovative e creative dell’ambiente alpino nel suo duplice profilo di contesto ispiratore e luogo di produzione culturale.

Per comporre l’offerta culturale nelle Terre Alte, la Compagnia di San Paolo promuove il Bando per progetti culturali nei territori alpini con l’obiettivo di selezionare iniziative capaci di potenziare in Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria, le ricadute e gli obiettivi culturali che il Festival si prefigge di raggiungere, nonché di mostrare la capacità della montagna di essere pienamente contemporanea, stimolare nuova creatività e diventare oggetto di espressioni artistiche.

Sono ammessi al bando progetti che siano diretta espressione della creatività contemporanea nei suoi diversi linguaggi (arti visive, cinematografiche, performing arts, nuovi media, …) e che propongano la montagna sia come soggetto ispiratore di nuova creatività sia come testimone della cultura contemporanea.

Le proposte progettuali devono svolgersi obbligatoriamente in zona di montagna di Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria così come prevista nella definizione Istat (non inferiore a 600 metri nell’Italia settentrionale). Altresì devono obbligatoriamente svolgersi a partire dall’estate 2016 e avere almeno un momento di specifica visibilità e/o realizzazione nei giorni del Festival culturale «Torino e le Alpi» previsto dal 15 al 17 luglio 2016. È infatti previsto che esse siano inserite nella specifica programmazione e comunicazione del Festival 2016 per quel che riguarda la sezione degli eventi proposti sul territorio.

Sono ammessi alla partecipazione del bando enti pubblici, enti religiosi ed enti senza fini di lucro di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Verranno considerati elementi preferenziali nella valutazione dell’ente la presenza per almeno il 60% di giovani tra i 18 e i 35 anni compiuti negli organi direttivi e nella gestione dell’ente e dei progetti promossi.

È possibile candidarsi al bando fino al 29 gennaio 2016 accedendo alla sezione “Contributi” dal sito www.compagniadisanpaolo.it.

Per ulteriori informazioni sulla candidatura, sui criteri di ammissione e di selezione è possibile scrivere una mail a torinoelealpi@compagniadisanpaolo.it.

Festival Torino e le Alpi 2016: scarica il bando per progetti culturali nei territori alpini.

Personeni adeguamento sovracanone, il Senato accoglie le richieste di Federbim

image_pdfimage_print

Personeni adeguamento sovracanone, il Senato accoglie le richieste di Federbim

L’esame del collegato ambientale al Senato “dimostra quanta attenzione e senso di responsabilità Federbim ha ottenuto e riscontrato da parte del Parlamento”. Così il Presidente di Federbim Carlo Personeni per il quale “il testo dell’art. 45 mette infatti in risalto l’unificazione del valore del sovracanone per le piccole e grandi derivazioni al valore delle grandi. In questo modo “verrà consentito ai territori di incassare maggiori risorse, rendendo giustizia ad un principio come quello dell’utilizzo dell’acqua a prescindere dalla potenza nominale media come prevedeva in origine la Legge 959/53″.
Il Presidente Personeni dunque esprime la propria soddisfazione per aver visto accolte le richieste sulle quali la Federbim è da anni impegnata.

 

COMMISSIONE MONTAGNA ANCI, INSEDIAMENTO OGGI A ROMA. LE TERRE ALTE PROTAGONISTE DELL’ASSOCIAZIONISMO E DELL’AUTONOMIA TRIBUTARIA PER I COMUNI

image_pdfimage_print

 

COMMISSIONE MONTAGNA ANCI, INSEDIAMENTO OGGI A ROMA. LE TERRE ALTE PROTAGONISTE DELL’ASSOCIAZIONISMO E DELL’AUTONOMIA TRIBUTARIA PER I COMUNI
COMMISSIONE MONTAGNA ANCI, INSEDIAMENTO OGGI A ROMA. 
LE TERRE ALTE PROTAGONISTE DELL'ASSOCIAZIONISMO E DELL'AUTONOMIA TRIBUTARIA PER I COMUNIAnci e Uncem al lavoro. Il presidente Mottinelli: “Intenso lavoro da fare in sinergia per favorire coesione e miglioramento dei servizi. Al Congresso di Torino una voce forte per le aree montane”.ALLEGATO A QUESTA MAIL IL DOCUMENTO PRESENTATO IN OCCASIONE DELL’INSEDIAMENTO DELLA COMMISSIONE MONTAGNA.

Rivedere e rendere più attuabili le norme che prevedono l’associazionismo dei Comuni e la gestione associata delle funzioni, difendere i servizi come poste, scuole, trasporti, modernizzandoli grazie all’agenda digitale,consentire ai Comuni autonomia tributaria ed eliminare a partire dai centri con meno di 5000 abitanti il Patto di stabilità, attuare sui territori i provvedimenti del Collegato ambientale e la strategia aree interne.

Sono questi i temi principali discussi nella mattinata di giovedì 8 ottobre a Roma nella prima riunione della Commissione Montagna dell’Anci (leggi la nota completa sul sito Anci.it) – coordinata dal neopresidente Pier Luigi Mottinelli – e riunita insieme alla Consulta Anci Piccoli Comuni e al Coordinamento Unioni di Comuni. Un intenso dialogo tra cinquanta Sindaci e Amministratori di tutt’Italia sulle sfide politiche e istituzionali dei territori, grazie a una migliore e concreta interazione tra tutti i soggetti rappresentativi delle realtà locali.
“In questa complessa fase di trasformazioni politica – spiega Mottinelli, presidente della Provincia di Brescia, già sindaco di Cedegolo  e oggi consigliere comunale – occorre quanto mai agire uniti sul Governo e sul Parlamento con precise richieste che verranno espresse anche all’Assemblea Anci di Torino, dal 28 al 30 ottobre. La prima istanza riguarda le gestioni associate intesa come rafforzamento della governance locale dei Comuni. L’incompiuta riorganizzazione nazionale dell’associazionismo comunale determina situazioni di profonda incertezza, di difficoltà anche per quegli Amministratori che più credono nella coesione, nel lavoro da fare insieme andando oltre ogni campanilismo e costruendo nuovi fronti di interazione e processi associativi che devono essere incentivati e sostenuti sul piano pratico, organizzativo, della semplificazione. Al centro ci devono essere le persone che vivono e lavorano nei territori marginali, montani e rurali”. Obiettivi condivisi con Massimo Castelli, coordinatore Piccoli Comuni per Anci, e Dimitri Tasso, coordinatore delle Unioni e gestioni associate. “Sul Patto di Stabilità siamo convinti che il superamento sia necessario e determinante per il bene del territorio, escludendo ad esempio i Comuni compresi nelle Unioni, in particolare per investimenti relativi all’edilizia scolastica e alla prevenzione del dissesto idrogeologico”.
La Commissione Montagna ha ribadito la contrarietà al piano di riorganizzazione di Poste, anche nelle parti che toccano la consegna della corrispondenza a giorni alterni per 5.300 Comuni italiani, i più piccoli e marginali. “Oltre alla difesa dei servizi, tra cui scuole, trasporti, sanità, senza se e senza ma – ha evidenziato Mottinelli – dobbiamo operare per la promozione dello sviluppo locale. In questa direzione, saranno fondamentali i contenuti del Collegato Ambientale alla Legge di Stabilità, che diventerà a breve legge, e la Strategia Aree Interne. Abbiamo un grande lavoro da fare, per ottenere la defiscalizzazione dei territori montani e consentire investimenti che determino un ‘ritorno’ di famiglie e imprese, una migliore qualità della vita, il riequilibrio dei costi che chi vive in montagna ha in più rispetto a chi risiede e lavora in città”.

Fondazione Edoardo Garrone lancia ReStartApp Edizione 2015

image_pdfimage_print

Se hai meno di 35 anni e vuoi avviare un’impresa in Appennino, partecipa a ReStartApp, incubatore di impresa per il rilancio dell’economia appenninica, promosso dalla Fondazione Edoardo Garrone: www.restartapp.it
Due campus residenziali gratuiti in contemporanea – a Grondona (AL) e a Portico di Romagna (FC) dal 29 giugno al 19 settembre 2015, con una pausa nel mese di agosto – per formare 30 giovani aspiranti imprenditori che vogliano creare un’attività nei settori dell’agricoltura, dell’allevamento, dell’agroalimentare, del turismo e della cultura sull’Appennino.
Una formazione totalmente gratuita e di alta qualità, grazie a un team qualificato di docenti, esperti e professionisti e una rete di partner di elevato profilo istituzionale.
Premi per un totale di 120.000 EURO per dare vita ai migliori progetti.
Per iscriversi c’è tempo fino al 10 aprile 2015.
Scopri di più su www.restartapp.it.

Il Consorzio con il Patrocinio del “Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare” “Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca” Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria – Direzione Generale “Comune di Genova” “Regione Liguria” “Provincia di Genova” “GAL Appennino Genovese”

image_pdfimage_print

BANDISCE LA QUARTA EDIZIONE DEL Concorso “L’ACQUA UN BENE PREZIOSO CHE VA SALVAGUARDATO E PROTETTO A NOSTRO VANTAGGIO E A QUELLO DELLE FUTURE GENERAZIONI” per l’anno scolastico 2014-2015

Sono disponibili pronti per il download, la scheda di partecipazione e il bando di concorso

Download – bando di concorso   
Download – scheda di partecipazione